RICERCA

Il REC svolge ricerca in diversi ambiti, sotto il denominatore comune del Real Estate. Facility e Property Management, valorizzazione dei patrimoni immobiliari pubblici, Corporate Real Estate e Workplace Management e Social Housing costituiscono le tematiche chiave di interesse del gruppo.
Il REC è attivo in numerose attività di ricerca parallele, tra cui dottorati, progetti nazionali e programmi internazionali, in diversi filoni tematici.

Il REC comprende la divisione RE4IMPACT che si occupa specificatamente di valorizzazione e rigenerazione del patrimonio e dell’ambiente costruito attraverso la progettazione dei servizi sociali di interesse generale, la creazione di nuove infrastrutture sociali e reti collaborative, la coprogettazione e la gestione dei sistemi di welfare, tra cui l’housing sociale.

In questi ambiti, RE4IMPACT svolge attività di ricerca, formazione e consulenza scientifica verso la Pubblica Amministrazione, gli Enti del Terzo Settore, gli enti istituzionali e previdenziali, le società di servizi, le imprese private e sociali, gli istituti di credito e le fondazioni bancarie, il settore cooperativo, oltre che investitori che ambiscono a creare impatto sociale ed enti preposti alla gestione di patrimonio immobiliare (solidale) da destinare a finalità di rilevate interesse pubblico.

Il gruppo può contare sul contributo di docenti, ricercatori, dottori di ricerca e collaboratori alla ricerca del REC e su un importante network istituzionale e svolge le seguenti attività:

  • consulenza scientifica e ricerca applicata rivolta a soggetti pubblici e privati che agiscono all’interno dei processi edilizi, urbani e territoriali, per la costruzioni di modelli sostenibili di sviluppo immobiliare, verifiche di fattibilità, analisi costi-benefici; auditing di edificio e valutazioni tecniche-economiche;
  • innovazione nei modelli di valorizzazione e gestione di patrimoni immobiliari pubblici e privati;
  • innovazione nell’ambito dei servizi immobiliari integrati (Facility, Property, Asset & Community Management);
  • advisoring tecnico nelle operazioni di valorizzazione di patrimoni immobiliari solidali e/o destinati ai servizi alla persona, alla creazione di servizi e reti di welfare, in generale a funzioni a impatto sociale;
  • ricerca e innovazione nell’ambito di modelli e format immobiliari innovativi (p.e. housing sociale, servizi all’abitare, abitare e servizi alla persona, promozione dell’autonomia abitativa per persone con disabilità, co-living, senior living, abitare leggero);
  • due diligente immobiliari a impatto sociale;
  • progetti sperimentali di innovazione sociale, coprogettazione, bandi sull’innovazione e l’inclusione sociale.

Staff di riferimento: Angela Pavesi, Genny Cia, Cristiana Perego

Lo sviluppo e la valorizzazione dell’ambiente costruito dà forma alle nostre città e muove l’economia del Paese. Le nuove città metropolitane italiane stanno determinando dinamiche immobiliari inedite. Il REC interagisce con le pubbliche amministrazioni, gli investitori, i gestori, gli sviluppatori, i costruttori e i progettisti della filiera immobiliare e turistica, nel contesto del WaterFront Lab, per la tutela e valorizzazione delle linee di costa di mari e laghi in Italia. Nell’ambito di un Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale (PRIN) finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR), il REC sta lavorando anche sul tema de “Le città metropolitane: strategie economico-territoriali, vincoli finanziari e rigenerazione circolare” (2015STFWFJ), in una cordata che include: Politecnico di Milano, Università degli Studi di Napoli Federico II, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Università Iuav di Venezia. Nello specifico, il REC studia “L’evoluzione degli investimenti immobiliari e nuove destinazioni d’uso del territorio metropolitano” e “Il profilo dei valori immobiliari del territorio metropolitano”.

Staff di riferimento: Marzia Morena, Andrea Ciaramella, Liala Baiardi, Genny Cia, Chiara Tagliaro, Valentina Puglisi, Stefano Bellintani, Alberto Celani

Il tema dei nuovi modi di lavorare e di come gli spazi di lavoro stanno cambiando sono molto attuali. Il REC sta investigando questo argomento in alcuni progetti specifici. Una ricerca di dottorato sull’impatto del gender negli spazi di lavoro collaborativi è svolta in sinergia con il Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano. Il REC coordina il contributo di Széchenyi Istvàn University, Neumann Jànos Univeristy, Bauhaus University Weimar, Eindhoven University of Technology e Moscow State University of Civil Engineering nel progetto Erasmus+ Strategic Partnership “SPACE: An Innovative Approach in Workplace Management Education” (2018-1-HU01-KA203-047744), finanziato dalla Comunità Europea con. Il REC collabora come secondary proposer nel progetto “The Geography of New Working Spaces and the Impact on the Periphery” (CA18214), assieme al Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano e altri circa 60 partner da tutto il mondo, ed è referente delle interazioni di ricerca  la Cornell University (Ithaca, USA).

Staff di riferimento:Chiara Tagliaro, Andrea Ciaramella, Alessandra Migliore, Alice Paola Pomé, Silvia Leoncini

La trasformazione tecnologica del settore immobiliare sta trasformando le dinamiche tradizionali di un settore tipicamente lento nell’evoluzione. Il REC è impegnato nel quantificare, qualificare e valutare il trend di digitalizzazione di progetti, processi, materiali e transazioni immobiliari in Italia, coordinando il Joint Research Center (JRC) partecipato da BNP Paribas, Vodafone, Covivio, Edison e Bosh. Nello specifico, le opportunità di creare informazioni e nuova conoscenza attraverso l’analisi di dati è esplorata tramite: (a) sperimentazioni sull’utilizzo della sensoristica negli spazi di lavoro delle organizzazioni e dei campus universitari; (b) implementazione di strumenti in grado di integrare indicatori quantitativi e qualitativi che possano supportare il ciclo di vita immobiliare dalla fase di investimento, attraverso il facility e property management, la valutazione e certificazione degli edifici, fino al monitoraggio continuo delle prestazioni degli spazi.

Staff di riferimento: Andrea Ciaramella, Stefano Bellintani, Chiara Tagliaro, Alberto Celani, Ileana Bettani, Silvia Leoncini, Anna Gornati, Antonio Invernale

MONITOR

I monitor sono iniziative ricorrenti di osservazione e analisi del settore immobiliare. Tramite attività di monitoraggio periodico e continuo, il REC mira a rilevare e interpretare i trend più significativi che caratterizzano l’evoluzione del real estate.

Il gruppo di lavoro Nazca nasce nel 2015 in coincidenza del convegno inaugurale di  Urban Promo (rassegna curata da URBIT per l’Istituto Nazionale di Urbanistica) ed è costituito da un gruppo di Associazioni culturali, operatori privati, Amministrazioni comunali ed esperti del settore per affrontare il tema del perché sia così difficile realizzare la rigenerazione urbana, nonostante l’attenzione rilevante che è posta al tema in campo scientifico, legislativo e mediatico.

maggiori informazioni

Dal 2008 studia e analizza le modalità e i tempi di approvazione dei processi concessori da parte della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) italiana. Ogni anno sviluppa focus diversi, tra cui: spazi retail, impanti per la produzione di energie rinnovabili, turismo e ospitalità, social housing, valorizzazione degli immobili soggetti a vincolo, rigenerazione di brownfield, coltivazioni urbane, ecc. È attualmente in corso la decima edizione dell’indagine il cui tema di approfondimento è quello del riuso degli edifici sottoutilizzati o dismessi. Patrocinatori dell’iniziativa sono: Assoimmobiliare, Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), Federimmobiliare. I risultati vengono presentati ufficialmente ogni anno nel mese di novembre in occasione di convegni dedicati presso il Politecnico di Milano.

maggiori informazioni

Dal 2017 monitora la comparsa di start-up e imprese innovative in Italia che hanno sviluppato modelli di business sulla base della digitalizzazione del settore immobiliare, integrando PROP-erty e TECH-nology. Mappa le società proptech italiane e le classifica in base alle loro attività, per come queste intervengono nelle varie fasi del ciclo immobiliare. I risultati vengono presentati ufficialmente ogni anno nel mese di novembre in occasione di convegni dedicati presso il Politecnico di Milano.

Staff di riferimento: Stefano Bellintani, Andrea Ciaramella, Chiara Tagliaro

WaterFront Lab è un’iniziativa presentata in occasione dei Saloni Nautici di Genova 2018. L’obiettivo è favorire lo scambio di informazioni e di opportunità fra amministratori pubblici, investitori e imprenditori immobiliari e operatori del settore nautico nel comune intento di valorizzare aree portuali e coste, senza rinunciare alla tutela del patrimonio ambientale e urbanistico.

maggiori informazioni

CERTIFICAZIONI E VALUTAZIONI

Nel 2009 il Laboratorio Gestitec del Politecnico di Milano ha creato il software BRaVe (Building Rating Value): un sistema di rating facilmente fruibile da tutti gli operatori del Real Estate italiano che ha lo scopo di individuare puntualmente la qualità degli edifici attraverso una prospettiva di tipo prettamente immobiliare che guarda alle componenti funzionali e tecnologiche degli edifici in maniera olistica. 

Il modello, in particolare, è uno strumento “specializzato” e sviluppato in moduli dedicati alle diverse tipologie di edificio.

maggiori informazioni

SPIN-OFF

BRaVe M&T promuove un approccio che presuppone una conoscenza approfondita degli edifici e dei patrimoni immobiliari da gestire e promuove, inoltre, la gestione dei processi e delle informazioni come fattori in grado di generare miglioramenti.

BRaVe M&T offre numerosi servizi di consulenza integrati, al fine di assicurare a ciascun cliente un’attenta valutazione delle opportunità di business e garantire un aiuto concreto nel raggiungimento degli obiettivi strategici. Grazie alla professionalità dello staff della società, le consulenze sono orientate soprattutto al settore immobiliare, riguardando non solo la gestione degli edifici ma anche un tema molto attuale come quello dell’efficienza energetica, ormai imprescindibile quando si tratta di immobili.

maggiori informazioni

BREVETTI

La “Panchina Intelligente” è un dispositivo di seduta smart, integrato con una serie di elementi tecnologici altamente innovativi che vanno dalla presenza di sensori e di dispositivi in grado di garantire un comfort in termini di servizi e prestazioni all’utente all’utilizzo di materiali che conferiscono caratteristiche di leggerezza, robustezza, resistenza agli agenti atmosferici e riciclabilità.

Staff di riferimento: Jessica Astolfi

COLLABORAZIONI